A Giggi Proietti

Posted by

 

Er Giggi se n’è annato

preciso come ’n treno

nimmanco ha salutato.

Chissa come faremo!

 

Quell’occhi? Du’ fanali!

Guardaveno ciascuno

così che ai funerali 

piagneva più nessuno.

 

Ridevi a cento denti.

Che smorfie e che capricci!

Era er “duemilaventi”

tra i virus e tra l’impicci.

 

La morte co’ la vita?

Tutta ‘na barzelletta!

E a chi nun l’ha capita

je l’hai sempre ridetta.

 

Ce ‘ncontravamo spesso,

ciascuno a casa sua…

Mo’ sei partito. E adesso?

Verémo a casa tua

 

La morte è ‘na salita

Sta lì, che poi ciaspetta.

Pernacchia o ‘na risata?

Solo ‘na barzelletta.

 

                    Arrivo e partenza 2 novembre 1940/2020

Ridere e Piangere.  Vivere e Morire.  Niente di più scontato…                                                    Eppure eccoci qui ad esprimere le nostre emozioni e ringraziare per questo.