La festa de la Repubblica

Posted by

 

Li barbari a le porte 

ma noi sémo distratti.

“Chissà qual’è la sorte 

dei cani e de li gatti ?”

 

Tutti a contà le Stelle,

sognando ’n artro volo,

ma poi cambiano pelle 

senza che cambia culo.

 

Li barbari so’ nati

’n mezzo a ‘sto casino.

Ce sémo addormentati

e mo’ bevemo er vino.

  

Centro, Sinistra, Destra…

De che stàmo a parlà ? 

Ormai tutta ’n orchestra 

e a noi tocca ballà !

 

Fascismo e Comunismo.

La mafia e la galera

La Cina, er consumismo…

‘Sto straccio de bandiera

 

   

 

Er Partito?  È partito!

E ’n mezzo a ‘sto macello

tu resti co’ quer dito

e ’n avanzo de cervello.

 

A li romani antichi

successe tale e quale.

A tutti pane e giochi

ma poi è finita male.

 

Ognuno i “Cazzi Sua”

Lo chiamano “Diritto” 

Ma li Doveri Tua ?

Me dici ‘ndo sta scritto?

 

Tu solo l’hai capito

come che gira ‘r monno.

Tu solo co’ quer dito

fanculo e tutti a fonno.

 

Stasera ’n dove annamo?

Magnàmose ‘na pizza.

Domani aritornamo 

pe’ fa’ casino ’n piazza!  

 

    

Nella Repubblica c’è sempre una festa: istituzioni, politici, cittadini                                                                       e mascalzoni sono sempre in festa! Questa serve ancora?