Stelle, Sardelle e Calcio

Posted by

 

Prima le stelle ’n celo.

E tutti a vaffanculo.

Mo’ le sardine ’n piazza

e Bella Ciao…Che pizza!

 

Bella…Ma bella chi?

La pizza cor PiDi ?

O forse là, più a destra,

poi sceje la minestra?

                             

Canta canta, dice quello,

che si canti ‘sto stornello, 

er Governo, per incanto,

ce risorve tutto quanto.

 

Basta! Basta! Basta così!

Si er futuro è questo qui,

nun c’è più gnente da fa’

Affanculo. Tutti a canta’.

 

A la prossima elezzione

voterò Claudio Nerone.

Lui cor foco, hai visto mai,

che risorve tutti i guai.

            

Li rifiuti so’ ’n problema?

Stesso foco, stesso tema:

La monnezza va’ capata

poi ce fàmo l’insalata.

 

Quà se magna. Quà se caca

però a Roma la Cloaca,

quella “Massima” che fù,

oramai nun basta più.

       

Er popolino, beccaccione,

tra Partiti e quer Grillone,

se ritrova in questa fogna

A grattasse la vergogna.

 

Ma i  politici nun pare

se la pijino troppo a male:

sanno bene che i romani

nun so’ più manco itagliani.

 

Sono fiji de ’n artra storia 

che s’è persa la memoria.

Sono fiji de ‘na pagnotta

che fa’ rima co’ mignotta.

 

                                          

Oltre a vive questo strazio

c’è ‘r Tre a Zero pe’ la Lazio.

Ma chissà, dopo la schiuma,

si potrò arivede  Roma”

 

Troppi tifosi. Troppi delusi. Troppi lamenti figli del peggio. Troppe culture comprate al mercato.                          La storia ci racconta come potrebbe finire.