La festa delle donne – 8 marzo –

Posted by

 

Ma quest’anno… La mimosa?

Beh! Quest’anno so’ appassite!

Ce sarà quarch’artra cosa!

Quale gemma preferite?

 

Ogni donna mo’ è rimasta

senza er fiore de le fate?

Era proprio pe’ ‘sta festa!

Maledette ‘ste gelate !!!

 

Quà bisogna fa’ tesoro

de ‘sto granne cambiamento, 

tanto è ‘nutile ’sto coro

de rimpianti e de lamento.

 

Basta sole e siccità

Basta intruji dei partiti

Basta sogni da sognà

Sentimenti rattrappiti 

 

Basta ai renzi e a li bersani, 

ai di maio e a li sarvini.

Basta a tutti l’artri nani…

Viva solo i rigazzini !!!

 

Viva i buchi ne le strade

Ce piantamo la Speranza

Le staggioni so’ cambiate!

Cambierà puro la danza?

 

Viva i ladri e l’evasori.

Viva puro er giornalista

che riempie i frullatori

co’ la merda de ‘na lista.

 

Viva er sindaco de Roma…

– Ma è ‘na donna puro quella! –

Si però… lei nun funziona…

Forse è mejio la sorella!

 

Viva er granne sindacato

l’immigrato e l’emigrante.

Viva er core addormentato 

de ‘sto popolo saccente.

 

Viva noi che sémo quì

Puro noi ne la minestra

Nun c’è gente da capì:

‘Nartro giro su la giostra.

 

A le donne ariccomanno 

d’esse sempre “giudiziose”

Solo l’omo po’ fa’ danno,

puro senza le mimose.

 

Solo Elena de Troia

fu la causa de ‘na guéra.

Da quer giorno de la storia

lei se mòve… téra téra

 

Tu dirai  “Sei qualunquista!”

E ciavrai le tue raggioni…

Tu dirai  “Ma sei fascista!”

Tutte bone le opinioni…

 

Tu dirai “ E che proponi?”                       

Nun ciò più manco i cojoni !

 

E alla fine della cura

c’è ‘na bella dittatura…

Ma però nun fa’ la spia…

Se chiamerà…shhh…

                    democrazia… 

 

                    

Oggi tutto merita una festa. Chissà perchè? Forse vogliamo scordare qualche realtà che ci appartiene                  e abbiamo paura di riflettere.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *