L’ansia der sasso

Posted by

 

É l’ansia che consuma 

er mejo de te stesso.

Voresti esse ‘na piuma

e affoghi come ‘n sasso.

 

 “Io vojo  fa’ er somaro!

  Se campa tanto bene!

Co’ quer sapore amaro 

che sai da ‘ndove viene.

 

Tu resta sur sentiero 

che t’hanno preparato.

La vita? É ‘n buco nero

e tu ce sei cascato!

                                      

L’ideali? ‘Na scemenza!

Tu fa’ finta de gnente

e abbottate la panza. 

Si è piena nun te sente.

 

Eccote là!  Sur podio!

E adesso che te manca?

La machina… La radio… 

E quattro sôrdi ‘n banca.

 

Vedrai quanta fortuna 

si abbasserai la fronte.

Artro che su la luna 

ma ‘n barca… Co’ Caronte!

 

         

 

Tutti vorremmo un mondo ideale. Il nostro Spirito lo chiede sottovoce                                                       ma non trova compagnia e la carne della “panza” non è mai d’accordo.